Software e Hardware > ORBITER - Space Flight Simulator

> Orbiter Space Flight Simulator <

(1/3) > >>

Ripley:
Questo intero thread è in fase di aggiornamento in seguito al rilascio di Orbiter2016.


> Orbiter Space Flight Simulator <
> Orbiter Space Flight Simulator <
     Sei stanco di giochi spaziali che offendono la tua intelligenza e violano tutte le leggi della fisica? Orbiter è il simulatore che ti fà capire cosa veramente sia il volo spaziale di oggi e di un futuro non molto distante.
E la notizia migliore è che è gratuito!     
Raga, oggi (aprile 2009, n.d.r.) ho trovato ORBITER, un cosiddetto freeware closed source sviluppato da UNA sola persona, tal Dr. Martin Schweiger, con cui si simulano missioni spaziali complete a bordo di astronavi e vettori reali (Shuttle, Apollo, Soyuz...) ed altri mezzi spaziali più o meno di fantasia (DeltaGlider, RavenStar, Vanguard...), dalla partenza dal Kennedy Space Center, o da qualsiasi altra base nel mondo, all'attracco su varie stazioni spaziali orbitanti (ISS, MIR) o all'allunaggio, dalla messa in orbita o al recupero di satelliti e/o al loro assemblaggio nello spazio, e si può anche andare in giro per tutto il nostro Sistema Solare e fare passeggiate extraveicolari (EVA - Extra Vehicular Activities) prima di tornare alla base sulla Terra!!
Pazzesco, è fatto benissimo, grafica ottima, strumentazione completa e complessa, ampiamente espandibile tramite i numerosi add-on sviluppati...ma per ottenere buoni risultati c'è da studiare un bel po'.
All'inizio può sembrare eccessivamente difficile per noi piloti "terrestri" abituati a volare in orizzontale e a non fare i conti nè con la meccanica orbitale nè con un ambiente dove per la maggior parte del tempo non c'è un'atmosfera che ci "sorregge", ma basta leggersi un po' dei thread di questa sezione del forum, o di tutorial (che in rete abbondano) per iniziare ad afferrare i concetti basilari essenziali.

E se non capite bene l'inglese, io ne ho tradotti molti - i link sono più avanti in questo stesso thread, o disseminati in lungo e in largo nella nostra sezione "Tutorial e guide", oppure nell'apposita sezione di download.

Installazione leggera, il simulatore è un semplice zip da decomprimere in una cartella a piacere, con nessuna modifica al registro. Se proprio volete c'è anche la versione installabile msi.
Il 99% degli add-on si "installano" allo stesso modo, cioè decomprimendoli nella vostra cartella di Orbiter. Il restante 1% è rappresentato da eseguibili a cui dovrete indicare il path del vostro Orbiter, che comunque non vanno a modificare il registro.


Ultima versione rilasciata: Orbiter2016 (2,7 Gb)

Per maggiori informazioni e download, vai al thread dedicato.
 

Versione stabile precedente: Orbiter 2010-P1 - 130 Mb (versione 100830)

Chi avesse installato la release iniziale di Orbiter2010 (versione 100606) può scaricare solo la patch "P1" (25Mb) e decomprimerla nella cartella di Orbiter2010 per portarlo alla versione 100830 (Orbiter2010-P1).

Potete scaricare Orbiter2010-P1 anche da questa pagina di Orbiter Forum, dove sono presenti textures e altri mirror.


RICHIESTE HARDWARE

Le richieste hardware sono decisamente modeste per gli standard attuali:


* Windows 98/2000/XP/Vista/7/8.1/10
* Pentium 1.2GHz o equivalente
* 4 Gb RAM
* DirectX 7 o più recenti
* Scheda grafica compatibile con DirectX 7, con 64 Mb di memoria
* Spazio richiesto su hard disk:
* Orbiter2010-P1: circa 285 Mb per l'installazione base
* Orbiter2016: circa 2,7 Gb per l'installazione base

SITO UFFICIALE ORBITER

http://orbit.medphys.ucl.ac.uk/index.html

Cliccate su "Download", poi scegliete uno dei mirror disponibili sotto a "Orbiter core package download".
Se volete potrete scaricare anche le texture opzionali ad alta risoluzione scegliendo un mirror tra quelli disponibili sotto a "Optional high-resolution texture download".
In base al mirror scelto, potremo effettuare i download sia via torrent che http.
In genere il primo mirror a venire aggiornato, quindi più completo, è il "Mirror 1", quello europeo


INSTALLAZIONE BASICA ORBITER

Estraete lo ZIP (o installate il file EXE/MSI, a seconda di cosa avete scaricato) del file principale di Orbiter2016 in una nuova cartella che diventerà la vostra cartella di gioco.
Potrete eventualmente spostare questa cartella dove volete, Orbiter non scrive nulla nel registro.

Ovviamente questa cartella non dovrà trovarsi dentro/sotto una cartella di sistema come il desktop, C:\Program Files (x86), C:\Programmi, eccetera.
Come noto queste cartelle sono protette dallo UAC - User Account Control - di Windows, che blocca delle importanti operazioni, come la scrittura di alcuni file durante l'esecuzione di Orbiter.

NOTA (solo per Orbiter2010): quando lancerete orbiter.exe per la prima volta, verrà eseguito un controllo del vostro sistema (ecco cosa succede nel dettaglio - post di Martin su OF).
Per Orbiter2016 questa procedura di controllo è stata disabilitata.

Sono richieste le librerie di runtime del VC++ ("Microsoft Visual C++ 2005 SP1 Redistributable Package"), che potreste avere già installate.
Se così non fosse, le trovate nella cartella "Install" del vostro Orbiter: il file da lanciare è vcredist_x86.exe.


QUALI RUNTIME? 32 O 64 BIT?

Essendo Orbiter un'applicazione a 32 bit, indipendentemente dall'architettura del vostro processore/Sistema Operativo, quando e se dovrete installare dei runtime (Microsoft, ecc.) scegliete sempre la versione a 32 bit.


LINK RUNTIME MICROSOFT

Se dovessero servire, ecco dei link ad altri runtime MS VC++:


* Aggiornamento della sicurezza per MFC di Microsoft Visual C++ 2005 Service Pack 1 Redistributable Package
* Microsoft Visual C++ 2008 SP1 Redistributable Package (x86)
* Aggiornamento della sicurezza per MFC di Microsoft Visual C++ 2010 Service Pack 1 Redistributable Package

COMPATIBILITÀ TEXTURE

Attenzione: le texture (alta/bassa risoluzione) NON sono condivisibili tra Orbiter2010 e Orbiter2016 a causa del diverso formato e del nuovo supporto alle elevazioni del terreno introdotto in Orbiter2016.


INSTALLAZIONE TEXTURE AGGIUNTIVE (solo per Orbiter2010-P1)

Oltre al programma in versione "base", su quasi tutti i mirror di download sono presenti texture ad alta risoluzione sia della Terra che di tutti gli altri pianeti e satelliti del Sistema Solare (http o torrent), oltre ai cosiddetti sfondi "Celestial Sphere" introdotti dalla versione 100830 (immagini reali di stelle e galassie, fotografate da vari osservatori - NOTA: alcuni di questi sfondi sono quasi psichedelici!).
Queste texture migliorano molto l'esperienza visiva offerta da Orbiter2010-P1.

Estraete nella cartella principale di Orbiter le eventuali texture scaricate, preservando la struttura delle cartelle e lasciando eventualmente sovrascrivere i file senza paura.

Per iniziare, vi consiglio almeno i seguenti pianeti:

* "Earth L11 L14" (307 Mb)
* "Moon L11" (687 Mb)
* "Celestial Backgrounds" (39 Mb)
Poi, per chi volesse spingersi un po' "oltre" la nostra Luna:

* "Planets & Moons" (45 Mb)
* "Mars L11" (686 Mb)
Lo stesso autore di Orbiter ha pubblicato delle texture in alta risoluzione dell'area di default di Orbiter, che naturalmente è il Kennedy Space Center in Florida.
Le istruzioni per installarle sono in questo thread.

In quest'altro thread si trovano invece le texture migliorate per le nuvole.
Qui ci sono le texture per TUTTE le basi terrestri incluse di default.
Qui infine si trovano nuovi sfondi stellari.


RISOLUZIONI ESAGERATE

Se la vostra risoluzione è maggiore di 2.048x1.536 (se per esempio avete più monitor in Eyefinity o schede video in Crossfire), e lanciate Orbiter "liscio" (D3D7), riceverete questo messaggio di errore:


> Orbiter Space Flight Simulator <

Questo perchè il D3D7, su cui si basa il motore grafico che Orbiter usa di default, è limitato a una risoluzione di 2.048x1.536 pixel.

Per risolvere, dovrete usare un client grafico alternativo, in quanto il motore grafico nativo di Orbiter si basa sulle Direct3D7, quindi limitato a quella risoluzione (il limite è del D3D7, non di Orbiter).

Per esempio, nel caso di 3 monitor in modalità Eyefinity, ciascuno con risoluzione di 1.920x1.080, si raggiunge la risoluzione di 5.760x1.080.

> Orbiter Space Flight Simulator <
Orbiter2010-P1
> Orbiter Space Flight Simulator <
Orbiter2010-P1

PROBLEMI NOTI

Da Windows 8.1 in poi potrebbe verificarsi un problema di disegno dell'interfaccia, a causa del quale non viene visualizzata, per esempio, la "x" rossa in alto a destra nelle finestre, ed apparentemente sembra che queste non si possano chiudere, oppure non vengono visualizzati altri elementi dell'interfaccia utente di Windows.
Questo problema è solo "grafico" e la funzione sottostante esiste, quindi basterà comunque cliccare dove l'elemento grafico dovrebbe apparire (per esempio, cliccare nell'angolo in alto a destra per chiudere la finestra).

Un altro problema potrebbe essere che i font degli MFD e dei vari dati visualizzati siano poco chiari, o non a fuoco.
In questo caso si risolve facendo un click destro su orbiter.exe (o su orbiter_ng.exe) quindi cliccare su Proprietà -> Compatibiltà, e mettendo la spunta all'opzione "Disabilita ridimensionamento per valori DPI alti".


FORUM UFFICIALE

Il forum ufficiale di Orbiter, in lingua inglese (ma ci sono anche delle piccole sottosezioni "internazionali") è la base principale in cui si raccoglie la comunità degli Orbinauti.
Vi partecipa Martin Schweiger in persona, più altri personaggi, praticamente scienziati, astronauti, matematici, programmatori, etc...


FORUM ORBITER ITALIA

Il forum della comunità italiana di Orbiter, con guide sull'installazione, sulla configurazione, primi passi per entrare in orbita, nonchè autori della traduzione italiana del manuale ufficiale, e molto altro...
C'è anche la pagina FaceBook.


MANUALI


* Manuale ufficiale Orbiter2010 - in inglese
* Manuale ITA (Traduzione del manuale per Orbiter2006-P1, ma va bene anche per Orbiter2010) - a cura di Forum Orbiter Italia
* Breve guida sulla configurazione ottimale di Orbiter (ver. 2006) - a cura di Forum Orbiter Italia
* Go Play In Space - edizione 2010, versione Wiki (in inglese - imperdibile - in aggiornamento continuo)
* Go Play In Space - (Seconda Edizione OBSOLETA)
Molta altra documentazione la potete trovare nella cartella di Orbiter, sottocartelle "Doc" e "Add-on Docs".


TUTORIAL IN ITALIANO

Lo spazio di Tuttovola dedicato a Orbiter ospita ormai una grande quantità di materiale informativo.
Oltre ai tutorial indicati qui sotto, ne trovate altri nell'apposita sezione di Tuttovola.

Altri punti dove trovare tutorial sono:
- l'elenco principale dei post
- l'area download dedicata
- il link contenuto nella mia firma.

Questi sono solo alcuni dei primi tutorial che il novello Orbinauta deve assolutamente leggere.
(La mancata osservanza della frase precedente vi assicurerà frustrazione eterna).


* Come allineare il piano orbitale, tradotto da me
* Arrivare in orbita - a cura di Forum Orbiter Italia
* Docking con la ISS - a cura di Forum Orbiter Italia
* Come entrare in un'orbita lunare - a cura di Virtual Spaceflight, tradotto da me
* Trasferimento dalla LEO alla Luna - da OrbiterWiki, tradotto da me
* Lo scenario di default "DG to the moon" incluso nei "Tutorials", tradotto da me (da decomprimere nella cartella di Orbiter. Verrà creato un nuovo Tutorial "DG to the moon ITA")
* Come arrivare su Mercurio con l'Interplanetary MFD (formato html) - a cura di Forum Orbiter Italia, con molte immagini esplicative.
* Rientro sulla Terra (formato html) - a cura di Forum Orbiter Italia
* Concetti di rientro atmosferico - a cura di Josè Pablo Luna Sànchez, tradotto da me

TUTORIAL IN INGLESE


* I tutorial di Orbiter-Forum!

ORBITERWIKI

La Wiki di Orbiter è in continua evoluzione, ed è a questo indirizzo:
http://www.orbiterwiki.org/wiki/Main_Page


INSTALLARE ORBITER SU LINUX

Qui una guida in inglese per installare Orbiter su una distribuzione Ubuntu.


ORBIT HANGAR

Orbiter è profondamente personalizzabile e configurabile, e come ogni programma che si rispetti ha la sua accanita comunità di sviluppatori.
Il repository principale è Orbit Hangar (ma c'è anche il sito della comunità francofona), su cui si trovano tutti gli add-on possibili: astronavi, veicoli spaziali, aerei, satelliti, nuovi MFD (Multi Function Display), basi lunari e non solo, tutorial...di tutto, di più.


ADD-ON ITALIANI SU ORBIT HANGAR

Qui c'è l'elenco di tutti gli add-on sviluppati da noi italiani...cioè...noi...loro, quelli di Forum Orbiter Italia!!  :smile:


* famandy
* ndudi
* Fedex
* dany
* Matt44
* goth
* fred18
* icecoder
* altair aerospace
* ...e ci sono pure io
E prima di chiedervi "...dopo che scarico un add-on, come lo installo?", leggetevi questo tutorial:
Come si installano gli add-on (pdf)


MFD e MODULI (apparentemente) INDISPENSABILI

Dico apparentemente in quanto la mia conoscenza di Orbiter è ancora relativa...
Il nome di questi add-on viene spesso citato in vari post dove vengono chieste istruzioni tipo "Come faccio a...?", quindi mi sembra importante installarli ed imparare a usarli:

* Launch MFD - aiuta a individuare la corretta finestra di lancio e calcolare l'angolo di ascesa ed inserimento in orbita
* BaseSync MFD - per sincronizzare l'orbita di rientro con una base terrestre.
* AeroBrake MFD - per ottimizzare l'angolo di rientro, sfruttando l'atmosfera per rallentare e gestire le temperature senza trasformarsi in stella cadente (MFD sviluppato da un italiano)
* InterPlanetary MFD - spesso chiamato semplicemente IMFD - come dice il suo nome, serve per viaggi interplanetari. A detta di molti Orbinauti, è più semplice da imparare rispetto a TransX
* Anche se TransX è incluso di default in Orbiter, si tratta della versione 3.14 che ormai è a dir poco arcaica. Molto è cambiato nel frattempo (grazie a Enjo), e l'ultima versione da scaricare si trova su Orbit Hangar - per Orbiter 2010 - per Orbiter2016 - È un MFD complesso, poco indicato ai principianti, ma prima o poi avrete bisogno di usarlo. Serve per viaggi interplanetari e cose ancora più complesse come i trasferimenti a "gravità assistita", quei trasferimenti cioè che sfruttano la cosiddetta fionda gravitazionale, in inglese slingshot orbit, per andare da un pianeta all'altro
* GalacticMap3D MFD - per visualizzare in tempo reale il Sistema Solare in 3D. Molto ben fatto, ci fà capire cosa succede intorno a noi, chi siamo, dove siamo, dove andiamo, cosa facciamo su questa Tèra...
* FlyByWire -  modulo per la gestione del joystick
Installazione abituale, decomprimeteli nella cartella del gioco, ed attivateli poi dalla scheda "Modules" del Launchpad.


DUE MFD NEL COCKPIT NON VI BASTANO?

Sempre dalla scheda "Modules", attivate il modulo ExtMFD (incluso di default) che vi dà la possibilità di aggiungere n MFD a video, indipendentemente da quanti ne visualizzi di default la vostra nave.

Se invece usate il client D3D9, è preferibile attivare il corrispondente modulo DX9ExtMFD (che sembra avere meno effetti negativi sulle performance del pc).

Premere CTRL+F4 per attivarli.


I MODULI DI VINKA

Sono librerie/moduli generici (sviluppati per l'appunto da Vinka, uno storico utente di Orbiter) che gestiscono le animazioni, le dipendenze tra vascelli, stadi, bracci meccanici e altro...
Gli sviluppatori all'inizio preferiscono appoggiarsi alle funzioni fornite da queste librerie per muovere i primi passi nella creazione di add-on, in quanto semplificano molto la vita.

Per capirsi, oltre alla creazione della parte grafica di un add-on, o si sa programmare in C++ o si usano questi moduli.
Molti add-on per Orbiter ne fanno largamente uso, quindi i moduli Vinka sono uno dei "must" da installare, praticamente per default, altrimenti molte navi semplicemente non funzionano. La compatibilità degli add-on è indicata sulla loro pagina di download di Orbit Hangar (sotto la voce "Compatible SDKs").

L'interfaccia tra un add-on e le funzioni offerte da queste librerie avviene tramite un semplice file (di testo) di configurazione. Naturalmente l'add-on in sè (le mesh, la parte grafica/visuale) deve comunque essere creato a parte, quindi questi moduli non sono un cilindro magico!

Il sito originale di Vinka (ormai su Internet Archive) non viene aggiornato da molto tempo, ed il suo layout lascia parecchio a desiderare...non ci si capisce molto, inoltre una patch a una di queste librerie è uscita solo su Orbit Hangar, insomma un casino, quindi, dopo aver chiesto aiuto a FOI e OF, ho deciso di creare un pacchetto omnicomprensivo, da installare come se fosse un add-on unico, che racchiude in sè il contenuto di diversi file zip raccolti qua e là.

Inoltre Vinka, ormai dato per scomparso (*)
(*) da un post di fort su OF:

--- Citazione ---Vinka released - 12/07/2010 - on the French forum, only for testing, betas of multistage2.dll and stage.dll. There is no news about since.
--- Termina citazione ---
ha improvvisamente fatto capolino sul sito di Dansteph a gennaio 2016, pubblicando un aggiornamento: Spacecraft 4, anch'esso incluso in questo pack (annuncio su OF).

Scompattare come al solito il file nella cartella principale di Orbiter.
DOWNLOAD pacchetto completo

Contenuto del pacchetto:


* multistage_050721
* spacecraft3_060302
* spacecraft3_2006-P1
* stage_dll_2010_P1
* VinkaSpacecraft4Pack
Spacecraft 4 si può anche scaricare a sè stante da Pappy's Hangar
Annuncio su OF


I SOSTITUTI MODERNI AI MODULI DI VINKA

Multistage 2015

Fred18 (utente FOI) ha rilasciato una nuova libreria che sostituisce l'omonimo Multistage di Vinka.
Il nuovo Multistage2015 include moltissime funzioni in più rispetto all'originale, e garantisce comunque la retrocompatibilità con gli addon esistenti che si affidavano al vecchio Multistage.

- Download da Orbit Hangar per Orbiter2010-P1
- Download da Orbit Hangar per Orbiter2016
- Thread di sviluppo su FOI
- Annuncio su OF


Generic Vessel

Questo progetto (un sostituto di Spacecraft 3 di Vinka, a cura di Face, Artlav e altri utenti OF) è morto ed è stato lasciato a metà.
Lascio comunque il link per chi volesse leggerselo.

- Thread su OF
- Necrologio su OF a cura di Face


ORBITERSOUND

Di default Orbiter non include suoni o effetti audio. All'inizio questa cosa può spiazzare un utente alle prime armi.
Sebbene lo spazio profondo sia in effetti un ambiente molto silenzioso, non avere neanche il feedback sonoro di conferma di quando accendiamo i motori, può essere un bel problema.

Per fortuna la musica cambiò quando Dansteph creò OrbiterSound.
Questo software è giunto alla versione 4.0 3D, rilasciato ai tempi di Orbiter2010.

NOTA: questa versione di OrbiterSound non è pienamente compatibile con Orbiter2016, e in alcuni casi crasha il simulatore, ma Dansteph comunque sta finalmente aggiornando (notizia di Giugno 2016) le sue creazioni per Orbiter2016!

Qui il link per il download, più info sulla sua installazione/configurazione.

Lo sapevate? OrbiterSound è l'add-on preferito di Martin Schweiger!
Sapevatelo...Su Tuttovola.org!!


XRSOUND

Dopo il rilascio di Orbiter2016, vista la sparizione di Dansteph dall'orizzonte (c'è chi dice che degli alieni lo abbiano portato su un altro pianeta), e visto il conseguente protrarsi del mancato aggiornamento di OrbiterSound, Douglas Beachy (dbeachy1 su OF, il creatore della Flotta XR) ha sviluppato una solida alternativa a OrbiterSound, funzionante in Orbiter2016.

Qui il link per il download, più info sulla sua installazione/configurazione


UMmu (Universal Manned Maneuvering Unit)
da aggiornare!

Se avete già installato DGIV o UCGO, vi ritroverete installato anche UMmu, incluso di default in entrambi.

La Mmu reale è questa, ed è stata usata solo un paio di volte per recuperare dei satelliti.
Il primo astronauta a fare una EVA munito di Mmu fu Bruce McCandless, nel 1984 durante una missione dello Space Shuttle Challenger.

Tutto da scrivere, ma per ora...

Le missioni incluse nello scenario "_UMmu 3.0 Demo -> UMmu new features of 3.0 version -> Vessel action area" vi faranno capire cosa si può fare.

La visuale è in soggettiva, da "dentro" un casco di astronauta (UMmu).
Dal punto di vista di Orbiter un UMmu è un "vascello", quindi ci possiamo muovere con il NumPad, con gli stessi controlli dell'RCS (Reaction Control System) con cui si pilotano le astronavi, quindi con il "/" (NumPad) switchiamo tra le modalità "Translation" e "Rotation", e se indossiamo un "TurboPack" possiamo anche librarci con i comandi che regolano i motori Hover (tasti "0" e "." sul NumPad).

D - Autopilota di ascesa (Ins e Canc regolano il rateo di salita)
C - Autopilota di discesa
B - Indossa/Togli Turbopack

Comunque premendo "H" abbiamo diverse pagine di help.

Dal sito di DanSteph (da tradurre)

UMmu is a SDK (Software Development Kit) which allow authors of Orbiter addons to add in no time a crew to their vessels. EVA, vessels transfer, ejection all vessels in Orbiter that use this SDK are able to exchange crews. This package contains UMmu 3.0 end user files and the SDK for authors. (see doc folder)

# MMu breath o2, can die in case of crash, high temperature or lack of O2
# MMu have a chute in case of ejection on earth
# MMu can transfer beetween docked ships
# User Help included in MMU vessel (press key H)
# C++ SDK included with doc
# NEW 2.0! Meshes improved with realistic human face
# NEW 2.0! Can wear off their spacesuit (flightsuit)
# NEW 2.0! Breathable permanent or temporary area
# NEW 2.0! Supports UCGO cargo (unpack/pack, move)
# NEW 2.0! Action area to interact with vessel (open doors etc)
# NEW 2.0! Complete C++ SDK walkthrough with code ready to copy/paste


UCGO (Universal Cars and Cargos)
da aggiornare!

Download UCGO
http://orbiter.dansteph.com/downloadround/tempucgo/Bin/Documentation.html

UCGO non è solo un add-on che contiene un'astronave in più, e anche qualche altra cosuccia (in tutto: 2 navi, 8 mezzi terrestri, 21 cargo).
Aggiunge nuove funzionalità Cargo che consentono di portare in volo carichi (payload) di diverso tipo, aggiunge la possibilità di pilotare veicoli terrestri (e lunari)...
Comprende anche un SDK C++ che permette agli autori di add-on di aggiungere il supporto Cargo alle loro navi senza scrivere una riga in più di codice.

Descrizione originale (da tradurre)
Universal Cars and Cargos 2.0 (UCGO)

UCGO's first intention is to set a new transportation and payload standard in Orbiter.
Besides the cool default addons for users that it contains (2 vessels, 8 vehicles, 21 cargos), authors can add new compatible cars and cargo without one programming line, and vessel developers can also add cargo support to their vessel using a simple C++ SDK, in almost no time.

# 1 Arrow Freighter. Mother ship with great Virtual Cockpit.
# 8 vehicles including rover, cars, truck, rescue boat.
# 21 cargoes including unpackable cargo (contain various things)
# 1 autolanding Probe.
# All SDK and docs included.


DELTAGLIDER IV

Orbiter include di default un DeltaGlider "base", ma ne esiste un'altra versione (creata dallo stesso autore di OrbiterSound) con una strumentazione molto più completa e sofisticata: il DG IV.

Sebbene non realistico, Il DeltaGlider IV è un'astronave con la quale può essere più semplice muovere i primi passi nello spazio.
Scaricatelo da questa pagina e installatelo allo stesso modo in cui avete installato OrbiterSound.
Troverete le missioni del DG IV, e molti tutorial, sotto "Scenarios - DeltaGliiderIV".
Tramite il collegamento "DeltaGliderIV Configuration" (creato dall'installazione) potrete configurare alcune cose, tra cui il carico di combustibile e di ossigeno. La configurazione così salvata è richiamabile dal pannello inferiore del DG IV, premendo il pulsante LOAD SETTING in basso a destra (vedi topic).

NB1: è richiesta l'installazione di "OrbiterSound 4.0 3D".

Scarica il manuale del DG IV in italiano!!


FLOTTA XR

A cura di Altea Aerospace (Douglas Beachy, dbeachy1 su Orbiter Forum), una flotta composta da 3 navi di diverse caratteristiche e dimensioni. Le navi, in ordine di grandezza, sono:

* XR1 DeltaGlider
* XR2 Ravenstar (ispirato al famoso BlackBird XR-71)
* XR5 VanguardLa prima ha 3 pannelli strumenti, la seconda 4, e la terza 5, e supportano risoluzioni wide fino a 1920 (vedi topic).
Tramite dei semplici file di testo, sono completamente configurabili e personalizzabili.
Download Flotta XR

Scarica l'ultima versione del manuale di volo della flotta XR in italiano!!


AMSO (Apollo Mission Simulator for Orbiter)

AMSO ci dà l'opportunità di capire e di applicare tutti i principi della navigazione spaziale. È la piattaforma perfetta per imparare tutto sulla tecnologia racchiusa nei razzi e sulla navigazione spaziale, usando gli strumenti standard di Orbiter,  o add-on come "IMFD", etc, nel contesto delle missioni Apollo.
AMSO non ha assolutamente una struttura rigida; puoi volare una missione completa in manuale (che rappresenta una vera sfida!), ma puoi anche usare un autopilota molto accurato per l'inserimento in orbita.

* Pagina web
* Download AMSO-2016 per Orbiter 2016
* Download AMSO 1.23 per Orbiter 2010-P1
* Apollo 11 SoundPack - consigliatissimo! Aggiunge l'ATC dello storico lancio
* Guida Apollo 11 - pdf ITA
* Parametri di navigazione - (file in 3 formati: XL 2003 / XL 2007 / PDF)
* Screenshot AMSO
[OLD] Scarica il manuale di AMSO 1.21 in italiano!!
[OLD] Scarica il manuale EVA Lunari in italiano!!


Project Apollo - NASSP

Project Apollo simula le missioni Apollo in orbita terrestre e le missioni lunari, e si sta lentamente evolvendo per simulare le missioni pianificate del periodo post-Apollo, ma mai volate in realtà. Project Apollo implementa quasi completamente i pannelli di controllo presenti nel Modulo di Comando (CM) e nel Modulo Lunare (LM), ed una sempre più accurata simulazione dei sistemi interni (distribuzione elettrica, celle a combustibile). È supportato anche il software Virtual AGC, che permette di eseguire esattamente gli stessi programmi di guida realmente usati a bordo dall'Apollo Guidance Computer.

Il livello di realismo di NASSP è tale che, dove possibile, per le varie checklist vengono usati i documenti originali Apollo!
Questa è per esempio la checklist di pre-start.

* Pagina web
* Qui il loro forum
* Virtual AGC

JONESOFT GENERIC MOD ENABLER - JSGME

Prima di incasinare la vostra installazione scaricando "di tutto, di più", giusto due parole sul JSGME, da noi ben conosciuto per l'uso che ne facciamo con IL-2 e tutte le sue MOD: sebbene il rischio reale di incasinamento sia davvero basso (a volte può capitare), per sua stessa natura Orbiter si presta perfettamente all'utilizzo del JSGME, tant'è che è già stato segnalato tempo fa su Orbit Hangar, ed è stato scaricato da molti Orbinauti.

L'installazione della quasi totalità degli add-on per Orbiter non è altro che una semplice decompressione di file zip nella sua cartella principale; questi file hanno infatti al loro interno la stessa struttura delle cartelle di Orbiter, o almeno ce l'hanno al 99,9%, per questo vanno sempre controllati prima.

Se scopriamo che un MFD non ci serve, non ci piace, o magari va in conflitto con qualcosa e "ci incasina" l'installazione, diventa lungo e noioso, oltre che delicato, andare a cancellare a mano tutti i file e le dll che la sua installazione ha sparpagliato qua e la nelle varie sottocartelle di Orbiter...

Se abbiamo installato JSGME, ci basterà dirgli di "disattivare" quel particolare add-on che ci dà problemi, ed il gioco è fatto!

JSGME funziona perfettamente per Orbiter, TRANNE nel caso di add-on che prevedono l'aggiunta manuale di linee ai file cfg.
...O almeno io non ho capito come fare in quei casi.

L'installazione di JSGME contiene dettagliate istruzioni, che sono comunque riassunte in questo thread.


SCHERMATE ORBITER2016

> Orbiter Space Flight Simulator <
Casa

> Orbiter Space Flight Simulator <
Le Canarie - Tenerife e La Gomera sullo sfondo

> Orbiter Space Flight Simulator <
Cape Canaveral

> Orbiter Space Flight Simulator <
Deltaglider al Kennedy Space Center - SLF (Shuttle Landing Facility)

> Orbiter Space Flight Simulator <
La Luna

> Orbiter Space Flight Simulator <
Marte
Vedi altre immagini sulla galleria screenshot


CONCLUSIONI

E per finire, Orbiter è anche su Facebook e su Wikipedia.

HAIL THE PROBE!

Er_Gambino:
Veramente niente male ...  [clap] [clap]

Anto:
Eh si... ci ho giocato x un po di tempo, ma poi dopo l'ennesimo tentativo fallito di far rimanere in orbita lo Space Shuttle mi sono stancato  [prr] [prr]

Ripley:
Eh si...Facile non è affatto !!  [shock]
Tante nozioni nuove e complesse per noi semplici piloti di aereo, piani orbitali, sincronizzazione tra orbite, perigei, apogei...
Però col DeltaGlider si svolazza in giro e si apprendono tante cosette, e a quanto ho capito lo Space Shuttle è la nave più facile che c'è!
Triplo  [shock] [shock] [shock]

Anto:
ce praticamente uscivo uscivo dall'atmosfera, poi mentre usavo il braccio meccanico tornavo giù XD

 [prr] [prr] stazioni spaziali disperse nello spazio, satelliti disintegrati.

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa