Autore Volo MH370: il 777 della Malesia scomparso  (Letto 2369 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline capitankarl

  • Global Moderator
  • ***
  • Post: 2949
  • Karma: 26
Re:Volo MH370: il 777 della Malesia scomparso
« Risposta #15 il: 24 Mag 2018, 19:30:58 »
E' molto comodo buttare la croce addosso a chi non si può difendere. Prendersela col pilota è lo sport più diffuso in materia di incidenti aerei, ma addirittura dire che l'incidente sia stato provocato a bella posta senza avere neppure un minimo indizio su cosa sia realmente accaduto, sa di sciacallaggio.
Può essere successo di tutto, e calcolando le possibilità è molto più probabile che sia andato in tilt uno dei computer dell'aereo che non il cervello del pilota. Il cervello umano è dotato di istinto di conservazione, il cervello elettronico no!
Tutti noi che spiroliamo quotidianamente con le tastiere sappiamo che non è per niente difficile che un computer impazzisca e si metta a fare cose strane ed illogiche. Come ho sempre detto il computer non è una macchina pensante ma un imbecille velocissimo che fa solo ciò per cui è stato programmato e lo fa molto velocemente. Se subisce una avaria o si trova di fronte ad un bivio a cui la programmazione non aveva pensato il computer va in tilt e comincia a dare i numeri sballati con la stessa velocità con cui da quelli giusti rendendo praticamente impossibile all'uomo ogni intervento. Trovo che sia molto più comodo dare la colpa ai piloti che non possono difendersi che non ammettere che ci possa essere stato un errore nei computer. Il pilota sta su un aereo per volta, mentre i computer stanno su tutti gli aerei e sono tutti uguali per lo stesso modello. Ammettere o solo ipotizzare un errore dei computer o degli impianti di bordo ha un costo in immagine molto più alto che dare la colpa al pilota.  Invece di ricercare le cause di un incidente per farne cultura della sicurezza è molto più conveniente fare sciacallaggio su chi ci ha rimesso la vita probabilmente senza avere alcuna colpa.
La vita è una splendida avventura. Peccato che nessuno ne sia mai uscito vivo !