Autore Airbus A380 in atterraggio a S.Francisco  (Letto 2829 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline capitankarl

  • Global Moderator
  • ***
  • Post: 2969
  • Karma: 26
Airbus A380 in atterraggio a S.Francisco
« il: 14 Apr 2013, 17:09:40 »
Godetevi l'atterraggio del volo Lufthansa 454 a San Francisco.

Ormai quella che sino a poco tempo fa sembrava fantascienza è diventata realtà

http://www.wimp.com/approachlanding/

 ciao
Legge di Capitankarl
CHI CERCA ROGNA PRIMA O POI LA TROVA !

Offline Er_Gambino

  • Team Speaker
  • **
  • Post: 1183
  • Karma: 3
  • The New Soviet Man
    • FSEconomy
Re: Airbus A380 in atterraggio a S.Francisco
« Risposta #1 il: 18 Apr 2013, 23:31:51 »
 :good: grande Karl grazie  :good:
:skull: :skull: :skull:

- Vertebra is my copilot and he shoots "cesso" pieces -

Offline capitankarl

  • Global Moderator
  • ***
  • Post: 2969
  • Karma: 26
Re: Airbus A380 in atterraggio a S.Francisco
« Risposta #2 il: 19 Apr 2013, 00:48:05 »
Premesso che non ho mai visto il cockpit del 380, sono stato colpito dalla tastiera che sta sotto il cruscotto dove una volta c'era la cloche.
Se ho capito bene comanda un computer che ha giusto sopra il suo monitor. Dovrebbe essere un PC che ha nella memoria tutte le carte di navigazione .
Ai miei tempi le carte le tiravamo fuori da alcuni libroni con la foderina bordata di metallo che pesavano diversi Kg che solo a maneggiarli ci voleva un discreto sforzo. Una volta tirate fuori le cartine necessarie le mettevamo su un portacarte con molletta che stava sulla cloche. Se in discesa ti cambiavano pista o tipo di procedura dovevamo riaprire i libroni per tirare fuori la nuova cartina e rimettere via la vecchia. Oggi come si vede fare al Comandante basta tirare fuori la tastiera e digitare la procedura richiesta per avere la cartina sul monitor. Un bel progresso che semplifica e velocizza il lavoro, eliminando montagne di carte e relativo peso. Pensate che avevamo una borsa molto grande con tutti i manuali che veniva spesso cambiata a bordo per mantenere le carte aggiornate (lavoro che veniva fatto da un apposito ufficio che ad ogni variazione stampava nuove carte e le sostituiva).
Nel filmato si vede anche l'Head Up Display HUD, quello strumento derivato dai caccia che proietta sul parabrezza la visione di tutta la strumentazione di volo permettendo così di controllare gli strumenti mantenendo contemporaneamente la visione esterna.
Bellissimo, ormai siamo in pieno futuro !
 :smile:
Legge di Capitankarl
CHI CERCA ROGNA PRIMA O POI LA TROVA !

Offline Er_Gambino

  • Team Speaker
  • **
  • Post: 1183
  • Karma: 3
  • The New Soviet Man
    • FSEconomy
Re: Airbus A380 in atterraggio a S.Francisco
« Risposta #3 il: 19 Apr 2013, 15:28:52 »
Si io i primi HUD su aerei da trasporto li ho visti sul C-27j Spartan e sul Boeing C-17 Cargomaster, entrambi versioni militari. Parlo di simulatori è, oppure di foto sui forums.

Invece avevo visto un video in cui l' I-pad diventava ufficialmente computer touch-screen portatile di bordo per stivareci tutte le carte degli aeroporti, manuali procedure e rotte di volo etc. etc. Con un accordo fra la Apple e le varie compagnie aeree. Il capitano che ne parlava lo teneva montato su un supporto accanto al braccio sinistro, mi pare su un Boeing 737.

Per gli Airbus so che li vogliono produrre tutti fly-by-wire ormai, sbaglio Nefer?
:skull: :skull: :skull:

- Vertebra is my copilot and he shoots "cesso" pieces -

Offline capitankarl

  • Global Moderator
  • ***
  • Post: 2969
  • Karma: 26
Re: Airbus A380 in atterraggio a S.Francisco
« Risposta #4 il: 20 Apr 2013, 23:38:58 »
Walk on wire , cioè camminare sul filo è una attività che non ho mai fatto, mi piace camminare su di un solido marciapiede che non trema ed è largo e stabile.
 :smile:
Anche Fly by wire è una attività che non ho mai fatto, perlomeno dal vero anche se l'ho fatta con i simulatori, Microsoft compreso, perché anche se è vero che non è così, mi da la stessa sensazione che mi darebbe camminare sul filo. Ho volato per tutta la vita con aerei che si comandavano con una solida cloche che muoveva le superfici tramite cavi d'acciaio o tramite collegamenti idraulici ed il pensiero di comandare le superfici con un piccolo Joy il cui unico collegamento con le superfici passa da un filo elettrico e viene filtrato da un computer mi fa venire i brividi.
Questo mi fa capire che sono vecchio ed ormai superato ma sono felice di essermi ritirato prima di finire su un aereo fly by wire perché visto che con la sinistra non saprei fare neppure dell'autoerotismo dubito fortemente che saprei pilotare un aereo.  :lol:

Il futuro è gia qui e mi ha sorpassato ! :blush2:
Legge di Capitankarl
CHI CERCA ROGNA PRIMA O POI LA TROVA !